DIVENTARE ATTORI, REGISTI E PRODUTTORI IN POCHI SECONDI?

10.05.2016
|
0 Comments
|
Mobile video. Hi-res digitally generated image.

Il web è quel luogo in cui, nel 2016, i talenti nascono e si incontrano con il pubblico. Ma, allargando il discorso, è impossibile non notare quanto siano cambiate le tendenze nell’universo del cosiddetto video entertainment, oramai quasi completamente in fase di spostamento dalla televisione a Internet. A che cosa è dovuto questo fenomeno?

Le spiegazioni e i fattori sono molteplici e complessi, ma forse si possono riassumere comodamente in un unico motivo di carattere generazionale. Tutto questo, infatti, accade principalmente a causa dei millennials, più avvezzi a guardare brevi video sui loro smartphone e device mobili che a seguire i “classici” programmi passati dalla televisione. A tutto questo si aggiunge un altro particolare tutt’altro che di poco conto: in fondo, grazie a una telecamera installata sul telefonino, tutti o quasi possono essere i protagonisti dei video sul web, mentre ben più arduo è diventare primi attori del tubo catodico.

D’altra parte il mondo intero si è velocizzato e le nuove piattaforme di comunicazione video (i vari Instagram, Vine e l’ultimo arrivato Snapchat) si sono adeguate di conseguenza, puntando tutto sullo schema di una narrazione diretta e serrata. Tutto questo per di più, in un ambito di libertà creativa assoluta. Infine il vantaggio più grande, che è il sogno di ogni film maker ma anche la palma d’alloro più tosta da conquistare: l’incommensurabile capacità di condivisione su cui un video messo sul web può contare, cosa che lo rende immediatamente fruibile, a livello potenziale, da milioni di persone sparse per il globo nello stesso istante.

È evidente come questi strumenti stiano ribaltando le regole del gioco. L’entertainment visivo e lo spettacolo stanno mutando il loro volto. Ed ecco che dopo i lungometraggi, i mediometraggi e i cortometraggi, ora si può parlare di micrometraggi che, paradossalmente, per diffusione e successo, possono tranquillamente collocarsi all’interno del concetto di “cinema”, o meglio di micro-cinema. Un campo nel quale la stessa persona diventa attore, regista e produttore nello spazio di pochi secondi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CHIUDI
CLOSE
Facebook